Quando si parla di lavori più affascinanti dal mondo si pensa subito al lavoro dei sogni, quello che si mollerebbe tutto per andare a fare domani: noi eterni viaggiatori di FYL ne abbiamo trovati di ogni tipo, nei nostri viaggi. Non necessariamente solo quelli per cui abbandoneresti anche il tuo amato gattino per partire, ma quelli più strani, tradizionali, assurdi, romantici e profondamente semplici. Osservare le persone lavorare, immerse nelle loro abitudini per vivere, è forse uno dei modi più autentici di capire un popolo. Pronto a scoprire la seconda tornata di lavori più affascinanti del mondo? 

 

 

Un tatuaggio a Bali è per sempre 

 

Chi ha bisogno di un souvenir quando portarsi a casa un tatuaggio da Bali occupa molto meno spazio in valigia? Sara non solo ha documentato come a Kuta ci sia un tatuatore a ogni angolo – Bali è uno dei posti più famosi al mondo per i tatuaggi – ma ha anche fatto da cavia umana dopo serata alcolica. Pentita non è pentita.

                                                                                           

Birmania – quando si dice i lavori creativi

Molto spesso all'ombra delle più famose Cina e India, la Birmania regala spettacoli lavorativi e non a cui assistere almeno una volta. 

I volti dei passeggeri di quello che Sara ha giustamente ribattezzato Caronte Birmano, traghettatore di anime, sembrano parlare da soli. I mezzi di locomozione del mondo, come abbiamo già visto (link all'articolo sui mezzi di locomozione) non peccano mai di inventiva.

                                                                       

Tra una carreggiata e l'altra si trovano anche i tatuatori per strada, con tanto di micro sgabelli su cui posizionarsi mente si viene dipinti: perché l'igiene prima di tutto.

                                                                        


E se per strada ci si tatua, figuriamoci se non si mangia. Lo street food è una componente enorme della tradizione alimentare in Birmania, e questa cuoca sembra saperla lunga a riguardo.

                                                                                   


Se la creatività non è un'opinione, diteci se questo pescatore equilibrista e ballerino non è un'opera d'arte: tiene la rete con una gamba, sull'altra si appoggia e con l'unica mano rimasta rema. 

                                                           

La magia di vedere un tessuto nascere dall'intreccio ritmico e infinito di fili è sempre emozionante, tanto più se gli strumenti per tessere rimangono artigianali. Le tessitrici in Birmania confezionano stoffe meravigliose a mano e rimaniamo tutti a bocca aperta. 

                                                                                

Basta un attimo per spostarsi dall'artigianato tessile alle acciaierie: eccone una birmana, la cui parola d'ordine non è certo sicurezza sul lavoro, eppure queste persone ogni giorno lavorano con metalli e fuoco con un'apparente serenità che ci lascia stupefatti. 

                                                                                 

In un mondo dove tutto si butta non appena ha un piccolo difetto e si ricompra all'infinito, c'è qualcosa che lascia uno strano senso di pace: chi ripara le cose. Vedere queste persone intente a riparare nonsappiamocosa ha fatto questo effetto. 

                                                                                 

 

Burundi – tutto il mondo è risorsa

Siamo abituati a girare una manopola e avere acqua fresca o calda a nostro piacimento, un gesto semplicissimo, quando andare al pozzo a prendere l’acqua è uno dei lavori principali in tanti paesi, Burundi compreso, ed è normale riempire qualsiasi contenitore a disposizione. 

                                                                                    

Eppure anche partorire, in Burundi, non ha apparente bisogno di sale parto iper tecnologiche o strumenti avanzati. 

                                                                                    

Se poi avanza tempo si può anche andarsi a prendere un buon caffè (Starbucks chi?). 

                                                                                   

Per la serie sicurezza sul lavoro, anche le impalcature per ristrutturare una casa hanno l'aria di essere ponteggi davvero indistruttibili. Eppure. 

                                                                                     

E se il metro serve in sala parto, ovviamente serve anche al sarto. Sarto che, mettendosi a prendere le misure alla nostra Sara, si è messo a ridere perché non abituato a cotanta abbondanza. Se avessero la focaccia anche loro capirebbero. 

                                                                                      

Noi da bambine mettevamo forse un libro sulla testa per imparare a camminare dritte come le modelle, ma il livello pro si raggiunge con la biancheria impilata sul cranio (che poi non erano gli uomini quelli che quelli che piuttosto che fare due giri si caricavano come un mulo?) 

                                                                                                

A proposito di bimbi, non è mai troppo presto per dar da mangiare ai più piccini.
- Anita quanti anni hai?

- 5!
- Bene direi che puoi iniziare a fare da aiutante anche tu ;) 

                                                                                     

E se sei troppo piccolo per imparare a camminare non importa, puoi sempre fare il bucato da seduto. L'enorme delicatezza e tenerezza di queste persone e di come vivono la propria quotidianità con un centesimo di ciò che abbiamo noi lascia sempre stupefatti. 

                                                                                 

 

Cina – zattere e musica 

 

Ogni attività in Cina sembra essere rigorosa e calcolata, come quella dei suonatori di tamburi, tutti nelle loro posizioni, come un rito solenne. 

                                                                     

Meno solenne è la posizione del pescatore fotografato su una zattera di bamboo, beccato dall'obiettivo, come se si fosse messo in posa durante il lavoro. Chissà cosa stava pescando.

                                                                                     

E la stessa considerazione può essere fatta per questo dolce vecchietto, intento a suonare uno strumento sconosciuto a bordo strada, con una dedizione incredibile. 

                                                                                                     

 

Ecuador – lustrascarpe e souvenir, tutto artigianale 

 

Se per noi il lustrascarpe è uno di quei mestieri antichi e affascinanti ormai perduti, un po' alla Oliver Twist, in Ecuador è tutt'ora un mestiere attualissimo. Il cappello Panama del cliente e l'occhiale da sole nascondono due possibili cose: o profondo interesse nel lavoro di chi lustra le scarpe, oppure un rapido pisolino.

                                                                                                      
Indumenti e souvenir coloratissimi, tutti fatti a mano: in Ecuador non è per niente strano che i souvenir non vengano costruiti in serie nelle fabbriche ma artigianalmente all'aria aperta, anche con la supervisione di piccoli aiutanti. 

                                                                                    

 

Giordania – felicità, una tazza di the con un panino e un narghilé 

 

In uno dei nostri viaggi in Giordania incontriamo Mohamed, beduino della montagna, che si fuma il narghilé nel giardino di casa sua e ci invita a bere un the. Lo scenario bucolico in color terracotta era così invitante che non abbiamo saputo dire di no.  

                                                                                

Sempre in Giordania non abbiamo resistito a fare un giro nel retro di un panificio: si impasta il pane tradizionale e si inforna praticamente nella fiamma viva. Il gusto però è assicurato. 


                                                                                

La curiosità per ognuno di questi lavori e per ogni persona che vi sta dietro, per noi, è sempre infinita. E tu? Che lavori affascinanti, assurdi, teneri e incredibili hai trovato nei tuoi viaggi? Raccontacelo, che il nostro elenco è sempre in evoluzione!