Pensavamo di aver visto tutti i lavori più affascinanti, strani e lontani dai nostri immaginari?

E invece no, tra un tatuatore di strada e un lustrascarpe, siamo ancora qui a documentare e scoprire tutti i lavori più assurdi che ci è capitato di scovare nei nostri viaggi: sono tantissimi e

noi super curiosi, quindi dovevamo per forza annoverarli tutti!

Continuiamo il nostro viaggio intorno al mondo delle occupazioni più curiose che ci siano.

India – parole d'ordine: ottimizzazione e creatività

 

Con i suoi 1,3 miliardi di persone – sì, hai letto bene, 1,3 miliardi – l'India è un Paese in incredibile espansione di popolazione. Pare che a breve supererà anche la Cina, sembra assurdo, no? E invece. Nei nostri viaggi è capitato di osservare mille e più persone al lavoro in questo Paese così prolifico. Un segreto? Non lo sapremo mai, ma può essere che produrre collane di fiori e venderle possa essere un buon inizio. Potevano sembrare paraspifferi, scopettoni per spolverare, e invece sono sgargianti fiori color arancione intrecciati. Non male eh? 

                                                                                        

Facendo un tuffo nelle condizioni di lavoro precarie negli altri Paesi possiamo fermarci a osservare questi operai a 50 gradi – ci fa sapere Sara – che si riposano tra un turno e l'altro, appollaiati sui binari. Un buon momento per rivalutare tutti i nostri rispettivi lavori.

                                                                           

Pare un ottimo momento anche per rivalutare il nostro avere acqua corrente quando e come vogliamo. Queste foto sembrano dirci “Acqua corrente? Non serve, abbiamo quella pulitissima acqua torbida che sgorga dalle fogne, possiamo lavarci i piatti e fare una bella doccia”.

                                           

 

Possiamo considerarlo come mestiere, quello di chiedere l'elemosina. Ai bordi di questa strada abbiamo una vera e propria fila colorata di mendicanti, chi senza nulla chi con totem e iscrizioni sgargianti. Alle volte ci si ferma anche solo per mera curiosità. L'elemosina è una comunicazione universale che ogni Paese fa sua con il proprio stile.

                                                                            

Lo sbadiglio del bambino in basso a destra ci ricorda che anche la giocosa noia scolastica è linguaggio universale: questa scuola all'aperto, con tanto di maestro improvvisato con bacchetta quasi alta come lui, ce lo ricorda con tenerezza.

                                                                           

E se per strada ci è già capitato di vedere tatuatori, come a Bali, qui ne troviamo di una particolare fattispecie: i tatuaggi all'henné, i Mehndi, sono usati per decorare mani e piedi per il rito nuziale, ma anche per buon augurio e protezione. Puoi anche scegliere quello che ti piace di più!

                                                                           

Non sappiamo se possiamo definirlo un vero e proprio lavoro, ma questi ragazzini al semaforo che spaventano (o intrattengono?) gli stranieri brandendo cobra dall'aria minacciosa secondo noi andavano inseriti nella lista dei mestieri.

                                                                            

 

Mongolia – storie di templi e di aquile

 

La Mongolia è fatta di spazi sconfinati e una spiritualità ben tangibile: uno dei mestieri più affascinanti, se possiamo classificarlo così, è decisamente il monaco. Eccoli che organizzano la vita monastica, così leggiadra e fuori dal tempo.

                                                                                  

Sempre un po' fuori dal tempo ma decisamente più adrenalinica è l'arte di addestrare le aquile: l'espressione tra il timoroso e lo spaventato del nostro addestratore la dice lunga, ma il fascino delle aquile ci lascia a bocca aperta.

                                                                                            

Mozambico – pesto o farina?

 

Sì, quello che vedete è un mortaio gigante, e no non sta facendo pesto per tutto il villaggio. Questo aggeggio altro non serve che a fare la farina. Per impastare. Immaginatevi tirare fuori della farina da qualsiasi cereale voi mettiate lì dentro per pestarlo.

Nepal – monaci e monetine

Anche in Nepal i templi lasciano a bocca aperta, anche questo in versione piazza San Marco a Venezia con tanto di piccioni.

                                                                                

Nel frattempo un arguto nepalese si è ingegnato per un altro lavoro: vende monetine da lanciare nella fontana perché porta bene. E sin qui. Poi scopriamo che è il corrispettivo di 1 euro venduto a 3 euro. Insomma, il genio della truffa.

                                                                               

Chi invece ci infonde una serenità e una serietà mai viste è questo signore, uno stoico custode del tempio. Guarda nella macchina fotografica come a farci sapere che sì, quello è il suo mestiere e lui lo prende molto seriamente.

                                                                                   

E se dobbiamo ancora una volta rivedere la definizione di stoicismo possiamo farlo con questo nonno con cesta sulle spalle, che spavaldo cammina appoggiandosi al bastone e reggendo la cesta in parte anche con la testa, grazie a un complesso sistema di corde. Tutta la nostra stima. 

Senegal – l'arte è dappertutto

È proprio il caso di dirlo: una comunità è fatta da persone che fanno la propria parte. In Senegal non si è da meno. In questo laboratorio che produce piccoli pezzi d'arte (in cui, si legge, è vietato fumare!) c'è chi dipinge e chi fa il caffè, tutti in religioso silenzio e con grande attenzione.

                                                                             

Qui invece abbiamo una serie di pescatori che rientrano in quello che possiamo decisamente definire porto. Chissà quale sarà stato il bottino del giorno. Magari quello che è finito in questo ristorantino alla buona in strada: un altro piccolo capolavoro dello street food, questa volta in Senegal, e per di più davanti al mare.

                                                                               

E che dire di questa incredibile arte? Quadri adorabili di arte contemporanea che raffigurano persone in pieno stile africano, ma se guardate bene il busto di una personcina è fatto da un vecchio telefonino. E l'omino a sinistra su sfondo giallo ha al posto dell'apparato riproduttore... un eloquente rubinetto! :)

                                                                                

Thailandia – treccine per strada

 

Si dice che per viaggiare sul serio bisogna immergersi totalmente nella cultura del Paese che si visita: qui Sara poteva mica tirarsi indietro dal farsi fare una miriade di treccine per strada da una paziente acconciatrice? Ovviamente no, e possiamo dire che non si sia pentita!

Vietnam – sorrisi, barche e souvenir

C'è da dire che in Vietnam anche il trasporto via acqua non è immune dall'effetto souvenir: qui una simpatica venditrice blocca letteralmente la nostra barchetta per proporci le sue creazioni, e lo fa con un'attenzione unica.

                                                                                    

Ma in acqua abbiamo anche scoperto che si può remare con qualsiasi cosa: qui pare siano il popolo dai polpacci d'acciaio, in questo villaggio ci dice Sara che tutti remano così. Sarà comodo?dall'espressione pare quasi di sì!

                                                                             

Qui lo ammettiamo, non sappiamo con certezza che lavoro facciano queste signore con bastoni. Potrebbero anche loro usarli in un pestello? Chissà, ma vista la felicità con cui lo fanno pensiamo sia divertentissimo. E i loro sorrisi sono decisamente contagiosi.

                                                                                                

Anche l'adorabile sorriso sdentato di questa anziana signora ci scioglie decisamente il cuore. Lei vende banane e chi siamo noi per rifiutarle? Il potassio fa sempre bene e un gesto gentile forse ancora di più.

                                                                                                     

Quanta tenerezza e quanta umanità si nascondono dietro un mestiere, qualsiasi esso sia, anche il più lontano da noi!

E tu, hai qualche mestiere scovato in un angolo di mondo, o anche più vicino, da raccontarci?